Il CSR DAY 2017 si riconferma palcoscenico regionale sulla CSR

Per il terzo anno consecutivo Villa Manin di Codroipo è diventato palcoscenico delle aziende etiche e responsabili per quello che ormai rappresenta il più importante evento regionale di confronto sui temi della Responsabilità Sociale d’Impresa e Sostenibilità. Promosso dall’associazione Animaimpresa, il CSR DAY – questo il nome dell’evento, giunto alla sua maturità dopo un biennio di affermazione – si è svolto il 20 ottobre, nella prestigiosa dimora dell’ultimo Doge di Venezia, ormai sede riconosciuta e consolidata. Reso possibile dal contributo delle aziende socie CDA di Cattelan, Assi.Udine di Migliorini & C. – Gruppo Unipol e Tecnest, main sponsor dell’evento, ha avuto da quest’anno il patrocinio dell’Università degli Studi di Udine.
Ha aperto i lavori il Presidente di Animaimpresa Fabio Pettarin, seguito da Angelo Migliorini di Assi.Udine e Fabrizio Cattelan di CDA, aziende sponsor della rassegna. Ha portato i saluti di Animaimpresa anche il Segretario Annamaria Tuan che, ricordando il neonato partenariato con l’Università di Udine, ha dato la parola alla prof.ssa Stefania Troiano, in rappresentanza dell’Ateneo.
Molti gli spunti emersi durante le sessioni dei relatori che, anche in questa edizione, si sono distinti per spessore e compiutezza.

Finanza sostenibile: a che punto siamo?

Davide Dal Maso, partner del network milanese Avanzi – Sostenibilità per Azioni, ha tenuto uno speech sullo stato attuale dell’investimento socialmente responsabile, in Italia e nel mondo, dal titolo provocatorio “La finanza sostenibile è morta, viva la finanza sostenibile!”.
Partendo dalla categorizzazione delle tipologie di investimento responsabile e dalla identificazione dei suoi driver, è giunto a rappresentarne il vero significato, nel solco tracciato dal dibattito mondiale sullo sviluppo sostenibile. Fare “finanza sostenibile”, oggi, significa innanzitutto offrire capitali a iniziative economiche che siano coerenti con gli Obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

It’s all about… reputation

Silvia Gabrieli, senior consultant di Reputation Institute, società leader mondiale nella ricerca e consulenza specializzata in corporate reputation management, ha brillantemente dimostrato come, nel contesto odierno, la reputazione aziendale sia un fattore competitivo discriminante. Il valore di un’azienda è determinato per la maggior parte da asset intangibili e la competitività di un’impresa dipende direttamente dal supporto degli stakeholder. Per trasmettere fiducia è necessario avere una buona reputazione e non esiste una correlazione deterministica tra conoscenza di un brand e reputation. Il ruolo della CSR in questo contesto?
Essere percepiti come più sostenibili oggi può portare importanti vantaggi competitivi e tradursi in aumento della reputazione – Silvia Gabrieli
Reputation Institute accompagna le aziende in percorsi di monitoraggio e gestione strategica della reputazione del brand.

CSR Talk. Uomini d’impresa confronto

Il CSR DAY 2017 è stato anche occasione per un confronto aperto e informale fra tre uomini d’impresa, nello spirito delle iniziative di networking di Animaimpresa. Fabio Pettarin Presidente di Tecnest, Roberto Siagri Presidente di Eurotech e Roberto Gasparetto Direttore Generale di AcegasApsAmga – Gruppo Hera, hanno dibattuto sui temi della concertazione e dialogo con gli stakeholder, della declinazione della CSR e della sostenibilità nelle rispettive aziende e di come abbiano saputo tradurre questi approcci in senso reputazionale.

Il ruolo della formazione

Ha chiuso il panel di relazioni il prof. Mario Minoja, ordinario dell’Università di Udine. “La responsabilità va intesa a 360°”. Collegandosi al dibattito sull’impresa polifonica, il professore ha richiamato l’idea di armonia: “Educare alla responsabilità significa perseguire il bene delle imprese in armonia con il bene della società” Innumerevoli le esperienze maturate sul campo, nel supportare le imprese ed enti impegnate nella definizione strategica di obiettivi di sostenibilità e CSR, in particolare nell’ambito dell’Istituto per i Valori d’Impresa (ISVI). Brunello Cucinelli e Aquafil solo due nomi di spicco emersi dalla sua relazione. Responsabilità Sociale, secondo il professore, è un elemento inscindibile della missione aziendale che va coltivato da chiunque abbia uno spirito ricco di amore e intelligenza.
Responsabilità è perseguire una missione che coinvolga, trascini – Mario Minoja
Il CSR DAY di Animaimpresa si riconferma l’evento regionale più significativo di diffusione della Responsabilità Sociale d’Impresa e Villa Manin luogo d’eccezione di incontro tra le esperienze responsabili del territorio. Ringraziamo sentitamente i relatori e i partecipanti per averci aiutato a scrivere il terzo capitolo di questa storia.
Rassegna stampa:

Print Friendly, PDF & Email

Tags:

No comments yet.

Leave a Reply