Anche il Comune di Udine tra i premiati al CRESCO Award Sodalitas

Il riconoscimento di Fondazione Sodalitas e ANCI è stato attribuito oggi a Bari durante l’Assemblea 2016 dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani.
10 imprese leader partecipano all’iniziativa per promuovere un’alleanza con il territorio.

Il Comune di Udine vincitore di uno dei premi in palio. Il riconoscimento ci riempie particolarmente d’orgoglio perché il municipio udinese si è aggiudicato il Premio Impresa SODEXO per l’attenzione al tema degli sprechi alimentari e alla sostenibilità alimentare, grazie alle attività che Last Minute Market e Animaimpresa, in collaborazione con alcuni dei suoi soci tra cui Studio Natura3, e il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, hanno realizzato nel corso degli anni. Azioni concrete e misurabili che hanno permesso di consolidare la candidatura, alla cui presentazione ha partecipato attivamente Animaimpresa, e di affermarsi tra i 340 Comuni in competizione.

cresco_award

Bari, 13 ottobre 2016 – Ridurre lo spreco grazie al riuso dei beni. Utilizzare l’energia in modo responsabile. Dare lavoro ai giovani grazie a turismo e cultura. Recuperare i terreni agricoli. Offrire alloggi a costi accessibili. Accogliere migranti e richiedenti asilo.
E’ su questi temi che si impegnano i Comuni vincitori del CRESCO AWARD Città Sostenibili, assegnato oggi a Bari durante la 18° Assemblea congressuale di ANCI-Associazione Nazionale Comuni Italiani.

CRESCO AWARD Città Sostenibili è il riconoscimento promosso da Fondazione Sodalitas, l’organizzazione italiana di riferimento per la Sostenibilità d’Impresa, insieme con ANCI proprio per riconoscere l’impegno dei Comuni italiani a promuovere in modo diffuso lo sviluppo sostenibile dei territori.

Hanno partecipato a CRESCO AWARD 340 Comuni in cui abitano complessivamente oltre 12 milioni di persone.
Sono questi i 6 Comuni a cui è stato attribuito il CRESCO AWARD:

  • Capannori-Unione Capannori e Lucca (Toscana) e Cantù (Lombardia) nella categoria “Sostenibilità ambientale”
  • Spezia (Liguria) e Castel del Giudice (Molise) nella categoria “Sostenibilità economica”
  • Milano (Lombardia) e Malegno (Lombardia) nella categoria “Sostenibilità sociale”

Nell’ambito del CRESCO AWARD, sono stati assegnati 10 Premi Impresa istituiti da altrettante aziende leader di mercato che hanno scelto di sostenere l’iniziativa per affermare la centralità dell’alleanza Impresa-Territorio:

  • ABB: Premio “Il Comune più SMART” al Comune di Brescia (Lombardia)
  • BRACCO: Premio “Salute Sostenibile” al Comune di Abbiategrasso (Lombardia)
  • DNV GL Business Assurance: Premio “Economia circolare e condivisa” al Comune di Milano (Lombardia)
  • ENEL: Premio “L’innovazione sostenibile dei servizi energetici in ambito urbano” al Comune di Palermo (Sicilia)
  • MAPEI: Premio “Tecnologia e materiali a salvaguardia dell’ambiente e della sostenibilità sociale” al Comune di Forlì (Emilia Romagna)
  • PIRELLI: Premio “Mobilità sostenibile” al Comune di Crema (Lombardia)
  • SIEMENS: Premio “Sostenibilità energetica degli edifici” al Comune di Cagliari (Sardegna)
  • SODEXO: Premio “Alimentazione sostenibile e riduzione dello spreco” al Comune di Udine (Friuli Venezia Giulia)
  • STMICROELECTRONICS: Premio “Smart Kids for Smart Cities” al Comune di Vasto (Abruzzo)
  • UNICREDIT: Premio “Imprenditorialità ed occupabilità giovanile” al Comune della Spezia (Liguria)

Adriana Spazzoli, Presidente di Fondazione Sodalitas, ha dichiarato: “Fondazione Sodalitas lavora con le aziende leader del Paese per fare della Sostenibilità un elemento qualificante della cultura d’impresa, e della strategia per competere e creare valore. Sostenibilità e territorio sono legate da un filo doppio. Con il CRESCO AWARD abbiamo voluto testimoniare quanto sia fondamentale puntare su alleanze efficaci tra Comuni e Imprese: quando questo succede, allora è davvero possibile pensare e realizzare nuovi modelli di sviluppo dei territori, per renderli più intelligenti, più sostenibili, più inclusivi.”

L’Award si è svolto attraverso la piattaforma ideaTRE60 che Fondazione Italiana Accenture, nell’ambito della propria mission di trasferire competenze e tecnologie, ha messo a disposizione dell’iniziative per permettere di gestire in modo digitale il processo di presentazione e selezione delle candidature.

In occasione dell’evento conclusivo del CRESCO AWARD Città Sostenibili, Paolo Anselmi, Vicepresidente di GfK, ha presentato i risultati inediti dell’indagine realizzata per Fondazione Sodalitas “Sostenibilità ambientale: cosa chiedono i cittadini al proprio Comune”.
L’indagine è stata condotta su un campione rappresentativo della popolazione italiana per genere, età, regione, dimensione del centro di residenza, livello di istruzione.
Oltre un terzo (36%) degli italiani si conferma molto attento all’ambiente nei propri comportamenti quotidiani.
E ben 4 italiani su 5 (82%) pensano che i Comuni e le Amministrazioni locali siano tra i soggetti più responsabili di assicurare uno sviluppo sostenibile.
Sono tre le iniziative considerate prioritarie dai cittadini per rendere il territorio in cui vivono più sostenibile: potenziare il trasporto pubblico (lo indica il 48% degli intervistati), aumentare gli spazi verdi (47%), migliorare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti (40%).
Quando si parla di Sostenibilità ambientale e impegno dei Comuni, gli italiani esprimono aspettative elevate ma un livello di soddisfazione ancora basso: meno di un italiano su 5 si dichiara infatti “molto soddisfatto” per quanto è stato realizzato dal proprio Comune fino ad oggi.
Ha dichiarato Paolo Anselmi, Vicepresidente di GfK: “L’indagine mette in evidenza differenze significative per quanto riguarda sia le aspettative che i Comuni si impegnino per la Sostenibilità dei territori che i livelli di soddisfazione per quanto hanno sino ad oggi realizzato. Le prime sono elevate per tutti i cittadini ma particolarmente “esigenti” sono i più giovani, i residenti nei grandi centri, gli studenti e le fasce di istruzione più elevata. Per quanto riguarda la soddisfazione a dichiararsi più soddisfatti sono i residenti nelle regioni del Nord, i residenti nei piccoli centri e i soggetti più qualificati per status e cultura. Ma anche per questi segmenti c’è ancora molto da fare per rispondere pienamente alla domanda di sostenibilità che i cittadini oggi esprimono”.

Print Friendly, PDF & Email

Tags:

No comments yet.

Leave a Reply