CDA srl presenta il primo Bilancio Sociale

CDA s.r.l., azienda socia di animaimpresa e da sempre orientata a fare dei principi della sostenibilità il proprio valore aggiunto, ha pubblicato il primo Bilancio Sociale e il report di sostenibilità, in perfetta sintonia con i criteri di correttezza e trasparenza, parametri di valutazione che abbracciano gli aspetti economici, ambientali, sociali e di comunicazione.

BSCDA

Scarica il Bilancio Sociale

 

Da Punto Economia – 20 dicembre 2012

WELLNESS, ETICA D’IMPRESA E SOSTENIBILITÀ: COSÍ CDA SFIDA LA CRISI

A fare notizia sarebbero probabilmente sufficienti i numeri di CDA – Cattelan Distributori Automatici, società con sede a Talmassons in provincia di Udine che opera da 35 anni nel comparto della distribuzione automatica con una sessantina di addetti,43 automezzi, 4.200 distributori automatici e 2.500 clienti attivi nel Nordest d’Italia. E se questo non bastasse a sorprendere chi ancora definisce il mondo del vending (il nome che identifica il comparto) come “quelli delle macchinette”, ci pensa il dinamismo e la filosofia con cui CDA affronta quotidianamente il mercato. Un ‘ attenzione particolare, da parte dell’azienda friulana, è infatti orientata allo sviluppo della propria divisione wellness area dell’ azienda dedicata nella selezione di alimenti di alta qualità, provenienti possibilmente da agricoltura biologica e in linea con le direttive in fatto di alimenti e salute. “Stiamo lavorando molto anche sui corsi di formazione per il nostro personale. Un esempio recente è il progetto Semaforo Verde, che grazie alla sinergia con Obiettivo Lavoro mira a ridurre del 20 % il consumo di carburante e premierà i dipendenti più virtuosi e performanti alla guida” – spiega Fabrizio Cattelan, a.d. della società. Ultima novità dell’azienda, in ordine temporale, è la convenzione stipulata di recente con il corso di Scienze della Prevenzione dell’Università di Udine con l’obiettivo di monitorare e classificare tipologie e quantità di alimenti distribuiti: un ulteriore segnale di attenzione ad una corretta educazione alimentare dei consumatori.

Print Friendly, PDF & Email

No comments yet.

Leave a Reply