Fabrizio Cattelan alla presidenza di animaimpresa

Cattelan

E’ Fabrizio Cattelan, CEO di CDA – Cattelan Distributori Automatici, il nuovo presidente di Animaimpresa, nominato all’unanimità dall’Assemblea annuale dei soci che si è tenuta mercoledì 22 maggio 2013. La nomina è stata quanto mai apprezzata dato l’impegno e l’attenzione che l’imprenditore riserva nella sua azienda alle pratiche di sostenibilità.

Subentrato all’uscente Gigliola Piccolo, Cattelan ha affermato: “È per me un onore ricoprire  questa importante carica all’interno di una associazione in cui ho sempre creduto tantissimo e così attiva sul nostro territorio. Come socio ed ex vicepresidente di questa solida realtà friulana, mi congratulo con chi mi ha preceduto per il grande impegno dedicato, sostenendo e promuovendo le aziende come la mia in diverse iniziative nell’ambito della green economy e dell’etica d’impresa.”

Da ricordare inoltre che, grazie anche al supporto di AnimaImpresa, CDA è stata l’unica azienda friulana finalista al Sodalitas Social Award, per la categoria “Consumo sostenibile e catena di fornitura responsabile“, prestigiosa iniziativa che da undici anni mette in luce i progetti delle aziende che più si distinguono in ambito di sostenibilità d’impresa. La cerimonia di premiazione si è svolta oggi a Milano ed ha visto l’iscrizione sul Libro d’oro della Responsabilità Sociale d’Impresa dei nominativi di altre tre aziende associate ad animaimpresa I.CO.P. Spa, SAdiLEGNO Srl e TECNEST Srl che a loro volta hanno presentato apprezzabili progetti di responsabilità sociale.

Fabrizio Cattelan_CDA

A Fabrizio vanno i complimenti più vivi da parte dei soci e l’augurio di saper coinvolgere, tramite l’associazione che rappresenta e i valori in cui crede, quanti più imprenditori e attori sul territorio per vivere in modo sempre più innovativo e responsabile un futuro d’impresa che è futuro di tutti!

 

Scarica articolo pubblicato su Il Messaggero Veneto –  23 maggio 2013

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , ,

No comments yet.

Leave a Reply