I risultati del sesto CSR Online Awards Italy

Sono appena stati resi noti i risultati della sesta edizione dello studio CSR Online Awards Italy, condotto da Lundquist, centrato attorno al tema della comunicazione online della Responsabilità Sociale (CSR) e della sostenibilità, di cui rappresenta il più approfondito studio europeo. Oggetto dello studio sono state le maggiori 100 società quotate in Europa, mentre in Italia le 100 maggiori società italiane (di cui 20 non quotate) per testare il loro  utilizzano i canali online per comunicare la propria CSR.

Tra le aziende italiane valutate, 30 non pubblicano un report di sostenibilità e 32 pur avendo un bilancio non pubblicano nella propria sezione di sostenibilità nemmeno le informazioni di base. Le restanti aziende italiane valutate all’interno della ricerca tengono testa alle controparti europee in termini di approfondimento dei contenuti, mentre sono particolarmente deboli nell’utilizzo dei social media e nel coinvolgimento degli stakeholder sui temi chiave della sostenibilità.

La ricerca ha approfondito il contenuto della comunicazione (pilastri Concrete, Exhaustive), le modalità di comunicazione (User-friendly, Distinctive), dove le informazioni vengono inserite (Integrated) e se la comunicazione è continuativa e coinvolgente (Ongoing e Social).

Delle 80 società quotate considerate, il 38% non redige alcun bilancio di sostenibilità (tra queste troviamo nomi importanti come Luxottica, Group Mediaset, Mediobanca, Prada e Tod’s): non sono dunque in linea con la nuova regolamentazione europea che prevede la pubblicazione di informazioni non finanziarie per le aziende con oltre i 500 dipendenti.
Altre 32 aziende sono state escluse dalla valutazione finale perché non presentano online informazioni di base come dati sulle performance, obiettivi, codice etico e politiche sulle risorse umane, politiche di fornitura, indicazioni sulle linee guida seguite dall’azienda (tipo Global Compact) e contatti.

Barilla, Holcim Italia e Ferrero sono state le uniche aziende non quotate a rientrare nella valutazione completa.

La maggior parte delle aziende italiane è ancora ferma in una comunicazione “copia&incolla” dal bilancio. Poche aziende italiane cercano metodi innovativi per presentare online le proprie politiche ed iniziative di sostenibilità. In generale, la comunicazione online rimane statica e focalizzata sulla disclosure.

Top 10 in Italia

1) Telecom Italia (65,5 points out of 100)

2) Gruppo Hera (62,75)

3) Snam (61)

4) Eni (59,5)

5) Enel (50,25)

6) Fiat (48,5)

7) CNH Industrial (48)

8) Edison 48)

9) Intesa Sanpaolo (47,25)

10) Terna (46,5)

visualizza report completo

Tags: , ,

No comments yet.

Leave a Reply