Un Salone all’insegna della condivisione e del dinamismo

Come ogni anno, si è tenuto presso l’Università Bocconi di Milano l’evento più importante in Italia dedicato ai temi della sostenibilità e dell’innovazione sociale. Un’occasione unica per una società in rapida evoluzione, dove il crocevia di diversi attori sociali ha dato vita per due giorni consecutivi, 4 e 5 ottobre, ad un vivace dibattito su nuovo modelli di business e di sviluppo della CSR per la creazione di valore condiviso.

La quarta edizione ha saputo efficacemente coniugare teoria ed esperienza sul campo, offrendo la possibilità a 140 organizzazioni di partecipare, a 250 relatori di portare il messaggio della CSR e ad oltre 60 eventi in programma di esprimere la necessità di nuovo paradigma e un nuovo modo di fare impresa.

Nella giornata del 4 ottobre Animaimpresa è stata attivamente presente in due diverse occasioni. Nel primo pomeriggio si è tenuto, in collaborazione con School Raising e Kilowatt, il workshop dal titolo: “Attivare la creatività diffusa come processo di innovazione sociale”. Il contesto civico e lavorativo ci richiede una sempre maggiore flessibilità, autonomia e creatività nelle soluzioni proposte agli odierni problemi, per cui gli strumenti adottati per la risoluzione della challenge presentata ai partecipanti – come diffondere la conoscenza dell’Internet of Things (Internet delle cose) nelle nostre città? – sono stati il visual thinking e il co-design. Co-progettare, dunque, ibridare competenze, ragionare insieme, creare in maniera originale.

Un breve brainstorming iniziale per riscaldare gli animi e una spiegazione del tema da affrontare da cappello introduttivo all’intero workshop sono stati poi seguiti da una fase di ideazione per la risoluzione della sfida aziendale. Tante e interessanti le idee proposte nella fase finale del workshop, tra cui un rilevatore di inquinamento nelle scuole dove il maggior abbassamento delle emissioni di CO2 fa vincere la scuola più sostenibile, lo sviluppo di orti in zone periferiche della città raggiungibili solo attraverso mezzi elettrici e molte altre ancora… Dinamico, attivo e coinvolgente questi gli aggettivi usati dai partecipanti per descrivere l’approccio metodologico degli organizzatori.

A partire dalle ore 17 si è tenuto l’evento: ‘Fare rete tra imprese: l’esperienza di alcuni network‘. Il dibattito introdotto da Rossella Sobrero ha dato modo ai relatori presenti di riflettere apertamente sull’importanza della creazione delle reti di impresa e in seguito di ragionare sui risultati raggiunti e gli obiettivi futuri. Presente il Segretario di Animaimpresa, Annamaria Tuan, a portare la testimonianza di chi ha contribuito alla nascita dell’associazione. Ispirazione che è nata proprio in occasione dell’esperienza all’edizione 2009 del Salone. Oltre ad Animaimpresa, hanno raccontato la loro storia Anima per il sociale nei valori d’impresa (Roma), Next-Nuova economia per tutti, ETIclab (Genova) e Impronta Etica (Bologna), organizzazioni che si impegnano a diffondere la cultura della sostenibilità nei loro territori. Da questo incontro è nata anche la volontà di costituire la “rete delle reti” per poter creare connessioni virtuose tra queste e altre realtà.

Anche quest’anno Animaimpresa porta con sé preziosi spunti di riflessioni e un nuovo slancio per sviluppare altri progetti nel territorio.

No comments yet.

Leave a Reply