Animaimpresa

Comunicare la Sostenibilità | PerCoRSI #4

Come comunicare in maniera efficace la propria sostenibilità? Come integrare la RSI nella strategia dell’impresa e migliorarne la reputazione?

Queste alcune delle domande a cui si è cercato di dare risposta durante l’incontro di PerCoRSI che si è tenuto lo scorso martedì 26 giugno presso la magnifica sede Servizi CGN di Pordenone. Sarà stato l’ambiente stimolante, sarà stato l’interesse delle tematiche trattate…qualunque sia la motivazione, ci sentiamo di dire che il seminario si è rivelato un grande successo! Gli interventi hanno incontrato un pubblico attento ed interessato che ha avuto modo di prendere atto dell’esperienza e della grande professionalità delle relatrici.

Il pomeriggio è iniziato con le parole di Rossella Sobrero, una delle massime esperte di Comunicazione Sociale, venuta direttamente da Milano per parlarci della modifica di prospettiva che le aziende devono affrontare nel nuovo mercato del Lavoro,  rispondente ai dettami della società liquida di Bauman e, quindi, in continuo movimento. In questo nuovo contesto economico le aziende non possono più permettersi di comunicare informazioni e sperare che esse vengano recepite dal consumatore. Quest’ultimo non esiste più nel suo ruolo da spettatore passivo: si parla ormai di Consum-Autore, partecipante attivo dello storytelling dell’azienda e promotore dei messaggi che essa veicola. Vale più un’opinione positiva su un Social da parte di un cliente che una campagna pubblicitaria; e basta il sospetto di cattiva condotta di un’azienda per rovinarne la reputazione in maniera difficilmente recuperabile.

In questo mondo in cui vige la snack culture, in cui i messaggi vengono trasmessi e posti in circolazione ad una velocità esponenziale ed in cui ogni notizia ha un’eco impossibile da contenere, è importante utilizzare i giusti mezzi per arrivare al cuore del consumatore ed aiutarlo a scegliere tra la moltitudine di offerte da cui viene costantemente bombardato. Le imprese sostenibili devono cambiare il loro modo di comunicare: per trattenere i consumatori è necessario che si tolgano le vesti da “cacciatori” per diventare “giardinieri”. Non è più primario puntare a colpire un target, bensì coltivare con continuità le relazioni con le persone, creando un’immagine solida dei propri principi e dei propri valori ed abbattendo così il livello di suscettibilità a critiche ed accuse.

Ed è proprio sul tema della comunicazione della Responsabilità Sociale d’Impresa come chiave reputazionale che si è concentrato l’intervento della professoressa Renata Kodilja, dell’Università degli Studi di Udine. Un viaggio nella letteratura della CSR che ha trattato diverse tematiche, dalla necessarietà di definire in maniera strutturata i propri stakeholder, così da dare il giusto grado di priorità al soddisfacimento dei loro bisogni, all’utilizzo strategico della comunicazione come garanzia di successo.  Come uno specchio rotto – nonostante i suoi pezzi vengano incollati – non torna mai a riflettere come in precedenza, così una impresa rovinata da uno scandalo, per quanto investa in comunicazione, rischia di non tornare mai ad ottenere quello status di affidabilità andato perduto. È quindi di importanza sostanziale cercare di mantenere una relazione costante di fiducia con i consumatori e con gli altri stakeholder – relazione che può venire governata solo tramite una comunicazione pronta ed efficace. 
E se la comunicazione riflette l’attività del business, è chiaro che esso non possa più esimersi dall’essere guidato da un approccio etico.

Ai due interventi “didattici” è seguita la testimonianza aziendale della spumeggiante Michela Poles, responsabile della comunicazione di Despar Service | Aspiag Nordest. Durante la descrizione della strategia adottata dalla sua impresa, grande spazio è stato dedicato al racconto del Despar Festival, evento di sensibilizzazione alla cultura sana e responsabile del cibo, che ha visto nella scorsa edizione una grandissima e variegata partecipazione, con un ampio programma di incontri dedicati a fasce d’età differenti e focalizzati su diverse tematiche. Un grande evento che sottolinea come la Responsabilità Sociale, la Sostenibilità e l’interesse al consumatore siano al centro della strategia di Despar, strategia che comporta molto successo anche a livello di vantaggio competitivo.

Interventi interessanti dunque, in cui la parte teorica si è sposata perfettamente con l’esposizione di casi pratici, tangibili e replicabili, per tentare di creare una consapevolezza a tutto tondo di come le tematiche trattate siano ormai parte integrante della realtà odierna delle aziende, di ogni settore e dimensione.

Non vediamo l’ora di vedere quante altre tematiche riusciremo a trattare ed approfondire nei prossimi incontri di PerCoRSI!

Prossimo appuntamento:
6 luglio 2018, Sede IRES – Udine
Valori intangibili in azienda: come rendere il capitale intellettuale una leva di business
Per info e iscrizioni: link

Segui Animaimpresa

Iscriviti alla Newsletter

Clicca il link sottostante per iscriverti alla newsletter di Animaimpresa