Animaimpresa

Perché nessuno resti indietro: strumenti di Confindustria per la sostenibilità nelle PMI

A cura di Rossana Revello

L’industria italiana è molto sensibile al tema della sostenibilità e può contare su  un’esperienza consolidata, che guarda ormai da tempo al tema come un’opportunità e non come un vincolo alla crescita. Per realizzare gli ambiziosi obiettivi dell’Agenda 2030, è necessario che si crei una fitta rete di scambio tra tutti gli attori del sistema economico e ciascuno deve fare la propria parte: le grandi imprese devono trainare le piccole imprese della loro filiera e le linee strategiche date dall’Europa e recepite dall’Italia, si devono trasformare in strumenti operativi concreti, con incentivi e strumenti finanziari mirati perché neanche un anello della catena produttiva resti indietro. Occorre, quindi crescere in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030, una strada obbligata per difendere la competitività delle imprese e del Paese.
Confindustria, che ha fatto propri 3 dei 17 obiettivi dell’Agenda (l’8 per promuovere la crescita economica inclusiva e sostenibile, il 9 per costruire infrastrutture resilienti, promuovere una industrializzazione inclusiva e sostenibili e il 10 per ridurre le disuguaglianze), oltre alla pubblicazione e diffusione del Manifesto“La Responsabilità Sociale per l’Industria 4.0”, attraverso il Gruppo Tecnico RSI di Confindustria ha messo a punto alcuni strumenti molto concreti a supporto delle PMI.
Ha varato il progetto pilota dei Temporary Manager per la Sostenibilità, che a partire da quest’anno coinvolgerà 20 associazioni di Confindustria, individuate tra quelle che hanno partecipato alle azioni di informazione sui temi della RSI realizzate con il supporto del Gruppo tecnico RSI nel 2018/2019, presso le quali saranno operativi i 10 Temporary Manager che offriranno i propri servizi a tutte
le imprese. L’obiettivo è di sensibilizzare il vertice e la proprietà delle imprese sui principi guida della RSI edei criteri ESG (Environmental, Social, Governance) introducendo concetti e strumenti di analisi del contesto, sulla competitività strategica dell’impresa e dei suoi impatti sulla società, sull’ambiente e sulle performance economico-finanziarie dell’impresa stessa.
Sempre per le PMI, insieme al Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale, abbiamo messo anche a punto una guida per la rendicontazione semplificata di sostenibilità, oggi strumento sempre più importante per confrontarsi con il mercato e con gli investitori.

Il documento è un aggiornamento della guida redatta da Confindustria nel 2010, un contributo concreto per aiutare le imprese piccole e medie ad avvicinarsi alla rendicontazione non finanziaria: abbiamo cercato di farlo in modo rigoroso e allineato agli standard internazionali, nonché agli SDGs ma in una logica semplificata e adattabile alle diverse dimensioni d’impresa.
Ci siamo posti l’obiettivo di accompagnare passo per passo e spiegare alle PMI italiane in che modo possono approcciarsi alla sostenibilità. Con questa “cassetta degli attrezzi”, ogni impresa avrà l’occasione, non solo di approfondire ed utilizzare alcuni strumenti della rendicontazione non finanziaria, ma avrà anche a disposizione una “bussola” per intraprendere il proprio personale “viaggio” verso l’integrazione della sostenibilità nel proprio modello di business.
Il documento, infatti, permette alle PMI, attraverso un “approccio rendicontativo semplificato”, di effettuare un’analisi interna rivolta a comprendere il grado di apertura verso la sostenibilità e di mettere a punto un piano strategico volontario di sostenibilità integrato al business che muova dalla consapevolezza delle aree tematiche e degli indicatori rilevanti ai fini della rendicontazione di sostenibilità.
A supporto delle imprese, stiamo anche promuovendo un’azione sinergica per mettere insieme istituzioni e mondo della finanza per processi incentivanti dell’adozione delle buone pratiche di sostenibilità perché al di là dei motivi sociali e ambientali, un’impresa sostenibile è più competitiva sotto molti aspetti.
Abbiamo istituito anche un Tavolo Grandi Imprese – che hanno il compito di coinvolgere le PMI della loro filiera – che vengono sollecitate a dare il loro contributo al sostegno dell’azione di Governo per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.
Com’è ormai noto, l’Europa chiede agli stati membri di dotarsi di “industrie climate-friendly” e questo si legge anche nell’ambizioso progetto per la lotta ai cambiamenti climatici della nuova presidente Commissione europea, Ursula von der Leyen, che a chi critica la decisione di un investimento così massiccio, risponde che maggiore “sarebbe il costo dell’inazione“.

Autrice: Rossana Revello è CEO della società di consulenza aziendale Chiappe Revello, focalizzata sulla sostenibilità e specializzata in tematiche ambientali ed energetiche, insfrastrutture e sanità. Membro del CSR Manager Network, dal 2016 è Presidente del Gruppo Tecnico Responsabilità Sociale d’Impresa di Confindustria nazionale.

Print Friendly, PDF & Email

I nostri partner

Iscriviti alla Newsletter

Clicca il link sottostante per iscriverti alla newsletter di Animaimpresa

Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Clicca il link sottostante per iscriverti alla newsletter di Animaimpresa