Animaimpresa

CDA diventa Società Benefit

CDA adotta lo status di “Società Benefit” inserendo questo impegno nel proprio statuto e rafforzando la sua mission nel perseguire un modello di business sostenibile. 

Talmassons (UD), 24 dicembre 2020 – CDA si fa un regalo speciale per questo natale 2020 adottando lo status di Società Benefit. Questa integrazione, va a rafforzare di fatto l’impegno della società friulana di vending con base a Talmassons  nello sviluppo del proprio modello di business sostenibile, integrando il proprio statuto con obiettivi di beneficio riguardanti le persone, l’ambiente e il territorio, come previsto dalla legge 208/2015 (Legge di Stabilità) all’art. 1 entrata in vigore nel 2016.

Si definiscono “Società Benefit” quelle che, nell’esercizio di una attività economica, oltre allo scopo di dividerne gli utili, perseguono una o più finalità di beneficio comune e operano in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori e ambiente, beni ed attività culturali e sociali, enti e associazioni ed altri portatori di interesse.

CDA è il marchio di distributori per bevande e alimenti noto e riconosciuto per la capacità di “erogare” prodotti e valori. Il concetto di tutela va oltre quella circoscritta all’Ambiente, esprimendosi in progetti aziendali che si focalizzano sulla salute e sicurezza delle persone e degli ambienti dove queste vivono e operano. Il principio alla base: le scelte di oggi devono essere qualificate e attente alle conseguenze future, sia che abbiano impatto sulla comunità, il territorio, l’economia, trasformando quindi rischi in opportunità. Una sostenibilità quindi a 360 gradi.

L’adozione dello status di “Società Benefit” è stato fortemente voluto dall’azienda per rendere ancora più espliciti i principi di sostenibilità economica, sociale e ambientale che la guidano nel fare impresa. CDA da diversi anni infatti, si pone come obiettivo il miglioramento della vita di tutti i soggetti direttamente o indirettamente coinvolti nell’attività aziendale, creando valore nelle relazioni con collaboratori, clienti e fornitori, nel rispetto dell’ambiente. Il suo modello di sviluppo sostenibile, si pone come obiettivo la condivisione del valore generato (sostenibilità economica), la crescita delle persone e un impatto positivo nelle comunità in cui opera (sostenibilità sociale) attraverso il rispetto dell’ambiente che la circonda (sostenibilità ambientale).

Le aziende, beneficiano della qualità della vita dei territori dove operano afferma Fabrizio Cattelan, CEO di CDAe in un proficuo scambio energetico devono restituire al territorio parte di quel valore che le ha viste crescere e prosperare, oggi in CDA rafforziamo questo messaggio trasformandoci in Società Benefit”.

“Vogliamo contribuire alla realizzazione di un futuro sostenibile attuando scelte strategiche e organizzative concrete – racconta Eleonora D’Alessandri – Corporate Social Responsability Manager di CDAattraverso progetti innovativi, collaborazioni locali e l’ambizione di continuare a guardare sempre oltre, qualità che ci caratterizza da più di 40 anni”.

Con lo status di “Società Benefit”, CDA conferma la scelta di continuare a seguire la strada della sostenibilità  nel settore della distribuzione automatica, avviata nel 2011 con la pubblicazione del primo bilancio sociale, oramai diventato un appuntamento biennale fisso, operando in modo responsabile, trasparente e sostenibile per le comunità con le quali interagisce attraverso un modello di business basato sulla creazione di valore e sulla tutela del bene comune.

Sono tre gli ambiti di intervento inseriti nello statuto sui quali l’azienda intende focalizzarsi, specificati in oltre 6 obiettivi di beneficio da raggiungere. Riguardano principalmente il supporto al territorio del Friuli Venezia Giulia in cui opera in termini di sostegno alle associazioni, enti e organizzazioni locali;  la tutela dell’ambiente attraverso l’uso e la promozione di fonti di energia rinnovabili, la riduzione dei rifiuti e dello scarto alimentare; la crescita professionale e personale dei propri collaboratori e l’incentivo, attraverso anche i prodotti dei propri distributori, ad un corretto e sano stile di vita, promuovendo prodotti salutari e soprattutto locali o a km zero.

Print Friendly, PDF & Email
0 Condivisioni

Iscriviti alla Newsletter

Clicca il link sottostante per iscriverti alla newsletter di Animaimpresa