Animaimpresa

Tonutti Tecniche Grafiche: da 75 anni in evoluzione

La spinta a fare sempre meglio

Qualche giorno fa, abbiamo avuto il piacere di intervistare la dottoressa Maria Teresa Tonutti, amministratore delegato di Tonutti Tecniche Grafiche Spa, da poco entrata nel nostro network. L’azienda di Fagagna, specializzata nella stampa di etichette di bottiglie, ha da poco compiuto 75 anni di attività, portati molto bene.
Il segreto? La spinta ad un’innovazione continua e la certezza di non essere mai “arrivati”, in termini di crescita ed evoluzione.

Negli ultimi mesi, ancor prima dell’avvento dell’emergenza Coronavirus, Maria Teresa Tonutti ha deciso di attivare una rivoluzione strutturale interna, in ottica di organizzazione distribuita. Cosa significa? Un cambiamento alla base stessa della gerarchia aziendale, per smuoverne i pilastri e ri-distribuirne responsabilità in base alle competenze. Responsabilità che, per definizione, si traducono in accettazione dei rischi che ne conseguono. Accogliere il cambiamento non è mai facile, soprattutto per collaboratori che sono cresciuti all’interno dell’azienda, lavorando in un certo modo per molteplici anni. Tanto coraggio, dunque, sia per le decisioni da parte della titolare, sia per i collaboratori che le hanno accolte e fatte proprie, fino a renderle nuovo modus operandi.
D’altronde la fiducia è – o dovrebbe essere – alla base delle relazioni di un’organizzazione: fiducia che in Tonutti Tecniche Grafiche si alimenta anche tramite formazione interna e spirito di squadra.

La vera innovazione in questi 75 anni di attività è stata perseguita tramite un investimento costante nelle competenze dei collaboratori che, lavorando in team ed intersecando personalità e punti di vista, hanno sviluppato un know how collettivo che permette all’azienda di analizzare un mercato in continuo cambiamento, rispondendo con prontezza a sfide e difficoltà.

È grazie a tale investimento in capitale umano se si è riusciti a superare lo scetticismo delle scelte di cambiamento, sia suggerite dalla governance, sia imposte dall’emergenza pandemica. Ed è con la forza della condivisione di Valori ed obiettivi, che la squadra di Tonutti Tecniche Grafiche è riuscita a reinventarsi anche durante il lockdown, introducendo, tra le altre cose, modalità ibride di smart working che hanno permesso di trovare un equilibrio tra distanziamento e confronto. La produzione, che prima della pandemia si distribuiva su tre turni operativi, è stata rimodulata – con non poche difficoltà – per eliminare il turno notturno e ridurre così le possibilità di contagio. La reattività della governance si può evincere anche dalle scelte strategiche perseguite: a fronte di un minor numero di ordini di etichette considerate “nobili”- quelle per vini e liquori destinati alla ristorazione- l’azienda ha mantenuto alti i livelli di produzione facendosi carico di commesse di etichette destinate alla GDO, a più basso costo, ma con quantitativi più elevati. È così riuscita a restare competitiva sul mercato e, soprattutto, a mantenere tutti i posti di lavoro.

Tutti questi cambiamenti sono stati accompagnati da una presenza e da un’empatia costanti, tradotte in tamponi per tutta l’azienda ed ascolto continuo del clima interno, per poter rispondere alle necessità di ciò che l’organizzazione ritiene la risorsa più importante: le Persone.

Da parte nostra non possiamo che essere grati per aver avuto la possibilità di conoscere una realtà così all’avanguardia, che porta grande Valore al territorio, con coraggio e spirito d’innovazione.

A cura di Irene Quaglia

Print Friendly, PDF & Email
0 Condivisioni

Iscriviti alla Newsletter

Clicca il link sottostante per iscriverti alla newsletter di Animaimpresa