Animaimpresa

Heiko – Intervista ai soci Di Benedetto, Natolino, Lui e Virgilio

Abbiamo il piacere di dare il benvenuto nel nostro network a Heiko, azienda di Udine che accompagna le aziende nell’efficientamento dei processi e sistemi di gestione aziendali. Abbiamo posto alcune domande ai 4 soci fondatori, Francesca Di Benedetto, Alessandro Natolino, Federico Lui e Andrea Virgilio – socio di Animaimpresa anche con la sua azienda Heply.

1. Heiko//Compliance Partner: ci può descrivere in breve il vostro modello di business?

Il nostro modello di business è fondato su alcuni elementi chiave che vogliamo combinare in un equilibrio unico nel suo genere. Esperienza consolidata nei diversi ambiti della compliance in aziende di diversi settori e dimensioni, passione che alimenta continui investimenti in formazione specialistica di alto livello, approccio manageriale ed ingegneristico a materie solitamente derivanti da norme, fiducia come spinta verso la ricerca di rapporti solidi e duraturi con i nostri clienti e non ultima la tecnologia, puntando ad informatizzare processi ed adempimenti. Questi ingredienti, a supporto delle persone che lavorano nel team e dei nostri clienti, mutuate da un approccio gentile, consentono di trasformare ogni rischio aziendale in un’opportunità di crescita.

Heiko (“equilibrio” in giapponese) offre servizi nella gestione dei modelli organizzativi e sistemi di gestione, salute e sicurezza sul lavoro, tutela dell’ambiente e protezione dei dati personali. Da incarichi di compliance manager a consulenze specialistiche e trasversali ai vari ambiti della compliance e dell’organizzazione dei processi, offriamo all’azienda uno sguardo esterno multidisciplinare, rispettoso ma attento e trasparente, per assicurare l’evoluzione del business sostenibile .

2. Nel vostro sito emerge più volte la centralità della persona. Qual è il ruolo del capitale umano nel vostro modo di fare impresa?

Il fattore umano è l’elemento centrale ed imprescindibile di tutto il nostro ambiente. Perché è con il team e con il consulente di riferimento che le persone dai nostri clienti creano il legame di fiducia in grado di raggiungere gli obiettivi condivisi. Ed è dallo stesso team che nascono idee, strumenti e soluzioni sempre nuove e condivise – la persona, solo se inserita in un contesto lavorativo coinvolgente e stimolante, riesce ad esprimere tutto il suo potenziale diventando protagonista degli obiettivi di crescita. Questo principio di sostenibilità sociale, per poterlo condividere con i nostri clienti, deve essere l’anima del nostro fare impresa.

3. Compliance e sostenibilità: come si è evoluto il binomio negli ultimi anni, nella vostra esperienza?

Già nel 2017, tramite il COSO (Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission) istituito per fornire una leadership di pensiero alla direzione aziendale e agli enti governativi che ha sviluppato framework e linee guida per la gestione dei rischi aziendali con la pubblicazione del proprio ERM (framework “Enterprise Risk management– integrating with strategy and performance”), si è reso evidente come la gestione del rischio non può essere demandata a una funzione o attività, ma deve penetrare nella cultura aziendale, tenendo conto di capacità e strumenti propri delle organizzazioni, sui quali poter disegnare modelli organizzativi personalizzati e dinamici.

Noi stessi ci siamo accorti e ci stiamo accorgendo che i risultati economici di un’azienda dipendono sempre di più da questa visione di insieme, che nella nostra esperienza ha portato aziende che credono sostenibilità in ambito compliance, ad aumentare la propria reputazione, la propria immagine e conseguentemente il risultato sul mercato.

Per questo ci impegniamo a creare per ogni nostro cliente il suo percorso sostenibile, operandoci per rinnovare la cultura del governo dei propri rischi e diffondendola a tutta l’organizzazione. Con rapporti duraturi e costanti, raggiungere questo obiettivo con la logica dei piccoli passi quotidiani per un miglioramento continuo, non è traumatico ma diventa evoluzione naturale dell’impresa.

4. Perché è importante far parte di un network di imprese responsabili, come Animaimpresa?

Riteniamo che la competenza sia un processo inesauribile e la stessa sia soprattutto frutto delle relazioni con clienti, partner e network che condividono i nostri valori. Per noi intrattenere relazioni con imprese responsabili come il network di Animaimpresa può essere allo stesso tempo una fonte di ispirazione e condivisione di esperienze, in una logica dove tutte le parti risulteranno vincenti. Condividendo tutti i valori etici del network, ci siamo sentiti da subito a casa.

 

Print Friendly, PDF & Email
0 Condivisioni

Prossimi eventi

  1. Animaimpresa a ECOCASA

    Settembre 9 @ 8:00 - Settembre 11 @ 17:00
  2. FESTIVAL Non Siamo Atlantide: alla ricerca della sostenibilità perduta

    Settembre 23 @ 8:00 - Settembre 25 @ 18:00

I nostri partner

Iscriviti alla Newsletter

Clicca il link sottostante per iscriverti alla newsletter di Animaimpresa

Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Clicca il link sottostante per iscriverti alla newsletter di Animaimpresa