Animaimpresa

Monticolo & Foti – Intervista ad Andrea Monticolo

Con grande piacere diamo il benvenuto nel nostro network a Monticolo&Foti, azienda di Sgonico (TS) da sempre improntata sulla sostenibilità. Abbiamo intervistato Andrea Monticolo.

  1. Ci spiega brevemente com’è nata Monticolo&Foti e su quali valori ha basato il percorso che l’ha portata ad essere l’azienda di successo che è oggi?

Quello che oggi è un gruppo solido e consolidato formato da quattro aziende, in realtà nasce a Trieste nel 1967 come realtà artigiana nel settore elettrico. Già nel giro di pochi anni diventa realtà di riferimento nella provincia. A partire dagli anni ’80 l’azienda avvia un pionieristico percorso di digitalizzazione e nel giro di pochi anni espande il proprio operato su nuovi territori. Nel 2005 si affianca il settore edile, permettendo all’azienda di diventare competitiva non solo nell’impiantistica ma anche nelle costruzioni.Dopo pochi anniviene implementata la divisione idrotermosanitaria e in seguito si sviluppa anche la divisione IT-impianti di sicurezza.

Questo percorso di crescita, che è maturato in più di 55 anni di attività ed è in costante evoluzione, è frutto di grandi valori condivisi: la formazione continua, l’innovazione e la trasparenza nelle relazioni con i nostri stakeholder.

  1. Avete appena lanciato il vostro “Piano di Sostenibilità 2022-2025”: da cosa è nata l’esigenza di formalizzare questa responsabilità e come l’avete condivisa con i vostri stakeholder?

La nostra sensibilità verso i temi della sostenibilità è presente da sempre. Il punto è che nel passato non ne avevamo consapevolezza. Negli ultimi anni abbiamo avviato un percorso di consapevolezzache ci ha portato in primo luogo a prendere coscienza delle azioni compiute nel campo della sostenibilità, secondariamente abbiamo valutato come pianificare nuove azioni e infine siamo passati alla stesura del Piano di Sostenibilità, che si sviluppa in base al modello ormai condiviso degli SDG dettati dall’Onu. Siamo monto orgogliosi degli obiettivi che ci siamo prefissati e guardiamo ai prossimi 3 anni come una grande opportunità di crescita in termini di valore d’impresa.

  1. Vi rapportate periodicamente con Scuole ed Associazioni: cosa vi spinge ad alimentare relazioni con le nuove generazioni e con il territorio?

Il rapporto con il territorio per noi è fondamentale. Agiamo perla comunità in cui viviamo e in accordo con essa, cercando di portare il meglio del nostro operato nel rispetto delle aspettative e delle necessità di chi vive accanto a noi. Il dialogo con scuole e associazioni vivifica la nostra attenzione verso i temi della sostenibilità, e non a caso è proprio sulla base di questo dialogo con la società civile che il mese scorso è nata la Fondazione Monticolo&Foti, una realtà concepita dalla Monticolo&Foti Impianti e Monticolo&Foti Edilizia per dare corpo ad un nuovo attore della filantropia territoriale, dedicando risorse ad un ente che si occupa esclusivamente di utilità sociale

  1. Una grande realtà come la vostra conta molteplici collaboratori: qual è il vostro approccio al welfare?

Il nostro approccio al welfare dipende dalla nostra convinzione che migliorando il benessere dei lavoratorisi migliori la qualità del lavoro. Questo sia in termini di operatività sia in termini di risultati. Il work-life balancemenzionatonell’ambito dei“20 Pilastri dei Diritti Sociali Europei”è unconcetto cardine che abbiamo tenuto in considerazione anche nel Piano di Sostenibilità perché lo riteniamo di fondamentale importanza per la definizione del nostro approccio al lavoro.

Il tempo è una ricchezza che tutti noi possediamo, forse la più importante poiché è unica e irripetibile. Riuscire a sviluppare un sistema lavorativo che permetta di distribuire in maniera equa il tempo impiegato per svolgere le proprie attività lavorative e per dedicarsi ad attività private è sempre più importante.

Vogliamo, nel limite di quanto possibile, tentare di fornire ai nostri collaboratori gli strumenti per raggiungere un corretto equilibrio tra vita privata e vita lavorativa.Questo permette ai lavoratori di migliorare il proprio benessere, sia fisico che mentale, rendendo loro più motivati, attivi e coinvolti. In questo contesto si inserisce il sistema del welfare aziendale: uno strumento che contribuisce a raggiungere tale equilibrio.

  1. Quali motivazioni vi hanno spinto ad aderire al network di Animaimpresa?

Animaimpresa è un’associazione che abbiamo imparato a conoscere proprio durante il percorso di presa di coscienza della nostra identità nel campo della sostenibilità. Ci siamo trovati allineati nei principi e negli obiettivi di sviluppo, ed abbiamo deciso di aderire a questo team con l’orgoglio di chi entra a fare parte di una squadra professionale, motivata e votata a perseguire un obiettivo comune: quello della diffusione della cultura della CSRe della condivisione e attuazione dei principi che guidano le azioni della sostenibilità sociale.

Sappiamo che non sono molte le aziende del nostro settore che esternalizzano la propria partecipazione nel mondo della responsabilità d’impresa: con la nostra adesione ad Animaimpresa ci auguriamo di essere riferimento per il settore e di portare anche i colleghi del territorio a sviluppare maggiore sensibilità in questo contesto.

 

Print Friendly, PDF & Email
0 Condivisioni

Iscriviti alla Newsletter

Clicca il link sottostante per iscriverti alla newsletter di Animaimpresa